AMERICAN CUP 2017: streaming, partecipanti e anticipazioni!

Finalmente stiamo entrando nel vivo di questo primo anno del quadriennio 2017-2020!
L’American Cup di domani è sicuramente la prima competizione importante della stagione.
Qui trovate tutto quello che dovete sapere per godervi al meglio la gara 🙂

Cos’è l’American Cup?

L’American Cup è un evento FIG (Federazione Internazionale di Ginnastica), che ha sempre avuto una rilevanza particolare nel mondo della ginnastica perché è organizzata da USA Gymnastics, una delle federazioni più forti al mondo, e ha sempre ospitato ginnaste di altissimo livello. E’ stata il trampolino di lancio per molte campionesse statunitensi, quali Simone Biles, Gabby Douglas e Jordyn Wieber.

Quando si terrà?  Sabato 4 marzo 2017, 17.30-21.00 ora italiana

Dove si terrà? Newark (USA)

Come seguirla? 

Sarà disponibile uno streaming live per l’Italia (e non solo) sul canale youtube di USA Gymnastics!
Potrete guardare la gara in diretta QUI

USA Gymnastics dovrebbe fornire anche i punteggi in diretta, caricare le routine in differita sul suo canale youtube e dare aggiornamenti sui propri social; non appena avremo i link li condivideremo con voi. Ovviamente troverete tutte le notizie sulla gara sul nostro sito e sui nostri social!

Chi parteciperà?

  • Ragan Smith (USA)
  • Riley McCusker (USA)
  • Asuka Teramoto (JPN)
  • Amy Tinkler (GBR)
  • Kim Bui (GER)
  • Xie Yufen (CHN)
  • Emily Whitehead (AUS)
  • Tisha Volleman (NED)
  • Melanie de Jesus dos Santos (FRA)

Cosa aspettarci?

La competizione si preannuncia piuttosto interessante, tra vecchie conoscenze e nuove promesse della ginnastica internazionale.img-20170303-wa0005

I riflettori saranno sicuramente puntati su Ragan Smith, ginnasta statunitense allenata da Kim Zmeskal che è stata la riserva della squadra olimpica nel 2016. In questo inizio del suo secondo anno senior Ragan dovrà dimostrare di potere essere un elemento portante della nazionale americana: le grandi stelle delle Olimpiadi e dello scorso quadriennio sono in pausa o al college, come sempre il ricambio generazionale dell’anno post-olimpico sarà particolarmente consistente negli Stati Uniti. Una ginnasta che ha già dimostrato di sapere essere competitiva e sicura potrà essere di grande aiuto per la squadra nazionale che sarà composta probabilmente da molti volti a noi nuovi.

Al suo fianco ci sarà la neo senior Riley McCusker, che ha ottenuto la cosiddetta “wild card” per partecipare alla competizione. Il suo nome potrà suonare nuovo a molti di voi: Riley ha infatti avuto una crescita agonistica repentina nell’ultimo anno, dopo essere andata ad allenarsi presso la MG Elite con Maggie Haney (l’allenatrice dell’olimpionica Laurie Hernandez). Riley e Maggie hanno raccontato che fino all’anno scorso la ginnasta rileynon era neanche riuscita a qualificarsi come elite (il livello necessario negli USA per potere gareggiare fuori dagli Stati Uniti e ambire a un posto nella squadra nazionale). Quando è arrivata alla MG Elite non aveva le basi per fare ginnastica di alto livello, ma in un solo anno e mezzo è riuscita a imparare il doppio avvitamento al volteggio e ad aumentare il livello di difficoltà di trave e parallele di un punto. Enormi passi avanti per Riley, che domani affronterà la sua prima gara importante davanti a parenti e amici, dato che è originaria del New Jersey.

Potete guardare i video della prova podio delle due ginnaste americane qui.

Domani rivedremo anche vecchie conoscenze come Asuka Teramoto, Amy Tinkler e Kim Bui.
La giapponese Asuka Teramoto è da anni una delle colonne portanti della sua squadra, avendo partecipato a diversi mondiali e a due olimpiadi. Può ambire sicuramente a un posto sul podio, data la sua solidità come generalista. I suoi punti forti sono la costanza e la pulizia e si esprime al meglio sulla trave. Ha già partecipato all’American Cup nel 2012.
Amy Tinkler è una delle all-arounder migliori in Gran Bretagna e l’anno scorso ha conquistato la medaglia di bronzo al corpo libero a Rio 2016. Anche per lei ci sono ottime possibilità di salire sul podio. Lo scorso anno ha partecipato all’American Cup ottenendo il quarto posto.
Kim Bui è una delle grandi della ginnastica tedesca: nonostante gli infortuni ha sempre dato un contributo importante alla squadra, specialmente alle parallele, suo attrezzo forte. Questa è la sua seconda partecipazione all’American Cup: ha già partecipato all’edizione del 2009, occasione in cui ha vinto la medaglia di bronzo preceduta da Jordyn Wieber e Bridget Sloan.

La cinese Xie Yufen è stata riserva ai Mondiali del 2014 e si distingue alla trave e alle parallele. Per l’Australia gareggerà Emily Whitehead, classe 2000, e per i Paesi Bassi vedremo Tisha Volleman, che ha già partecipato all’edizione dello scorso anno.
Completa la lista Melanie de Jesus Dos Santos, una promettente ginnasta francese che nonostante fosse riuscita a superare un brutto infortunio al legamento crociato del ginocchio non ha preso parte alle Olimpiadi di Rio dello scorso anno.

 

Fonti e link utili:

Foto di copertina di Filippo Tomasi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...