ROMANIA, disastro Europei: lavori in ritardo e mancanza di fondi. Dopo il flop di Rio…

Che la Federazione di Ginnastica Rumena stia attraversando un periodo buio, forse il più buio della sua lunga storia, è poco ma sicuro.

Dopo anni di successi, avviati dalla leggendaria Nadia Comaneci e cresciuti esponenzialmente Olimpiade dopo Olimpiade, la Romania si è trovata nel 2016 non solo giù dai podi, ma anche fuori dalla finale a squadre, evento a cui si era qualificata per ben 15 Olimpiadi consecutive (dal 1956 al 2012).

Il presidente della Federazione Rumena Adrian Stoica è stato di recente intervistato dal giornale agerpres.ro. I temi principali dell’intervista sono stati il bilancio delle Olimpiadi di Rio 2016, l’attuale organizzazione della nazionale rumena e lo stato dei lavori di preparazione per i Campionati Europei del 2017 che si terranno proprio in Romania, a Cluj Napoca, dal 19 al 23 aprile.

Un ultimo sguardo a Rio

Su Rio 2016 il presidente rumeno non ha dubbi: gli ultimi Giochi Olimpici sono stati decisamente deludenti per la Romania, che si è trovata senza medaglie sia per la maschile che per la femminile.

Marian Dragulescu si è dovuto accontentare del quarto posto al volteggio dopo la perdita del parimerito a favore di Kenzo Shirai, mentre Catalina Ponor non è riuscita a qualificarsi per le finali alla trave e al corpo libero. Peraltro la mancata qualificazione di squadra al Test Event di aprile era già stata una grande sconfitta per la federazione.

Il futuro della Nazionale

Per il nuovo quadriennio, il sistema di preparazione delle ragazze è stato riorganizzato. Le ginnaste senior e junior si alleneranno a Deva sotto la guida di Nicolae Forminte, mentre Catalina Ponor e Larisa Iordache rimarranno a Bucarest.

“C’è una grande differenza di età tra Catalina e Larisa e le altre ragazze, ed è molto difficile consolidare una squadra divisa a causa dell’età e delle preoccupazioni individuali” – ha dichiarato il presidente.

Stoica si augura che gli atleti riescano a mantenersi in buona salute fino al 2020, dato che l’aspetto medico è stato uno dei problemi principali, specialmente per le ragazze.

Non basterà però solo la buona salute degli atleti a risollevare la Romania dal suo declino: per Stoica è necessaria la volontà politica, a partire dalla base. Bisogna investire nelle società e assicurare un salario decente agli allenatori. E’ molto difficile lavorare e fare progressi se gli allenatori non sono soddisfatti della loro condizione.

I Campionati Europei del 2017

La Federazione Rumena al momento è focalizzata principalmente sull’organizzazione dei Campionati Europei del 2017 a Cluj Napoca, ma le cose stanno iniziando a diventare allarmanti appena tre mesi prima di organizzare la competizione continentale.

Stoica ha reso noto che i lavori preparatori sono in grande ritardo. In mancanza dell’intervento dello Stato, non è ancora stato trovato il denaro necessario per acquistare gli attrezzi necessari: la somma si aggira intorno ai 900.000 euro.

Se riusciranno a ottenere i (molti) soldi necessari entro questo mese di gennaio tutto andrà bene… E se non ce la facessero? 

Sembra chiaro che la Federazione Rumena ha bisogno di una totale riorganizzazione interna, nella speranza che ciò accada ci auguriamo che i lavori per gli Europei vengano ultimati in tempo!

Fonte: agerpres.co

Disclaimer: le foto appartengono ai loro legittimi proprietari. L’immagine di copertina è di Ilie Bumbac per Agerpres.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...